Capriolo in umido

  • Giovanna
  • del 31 Marzo 2020
  • 1019 visualizzazioni
capriolo in umido

Capriolo in umido

La selvaggina o il capriolo in umido sono uno dei piatti che spesso vengono proposti dagli agriturismi fuori città, soprattutto nelle campagne toscane ma non solo. Tra le principali carni utilizzate in Italia troviamo cinghiale, cervo e capriolo in umido, sugo di lepre e fagiano. Praticamente si trovano carni per tutti i gusti.

E per cucinarli a casa? Ovviamente ci vuole un “amico” cacciatore che ci procuri un bel pezzo di carne di cui conosciamo la provenienza. Le indicazioni per cucinarlo invece ve le offriamo noi.

La marinatura

La marinatura è il passaggio fondamentale per cucinare la selvaggina che è già stata frollata. La carne andrà messa a bagno in acqua con l’aggiunta di aceto (nel nostro caso), a volte si utilizza, per esempio con il cinghiale, acqua e vino rosso con l’aggiunta di spezie e verdure. La durata indicativa è di circa 24 ore. Ciò farà in modo di far perdere il sapore troppo selvatico alla carne e faciliterà la cottura.

La cottura

La cottura è sempre lunga, considerate almeno 5 ore. Ricordate di preparare in anticipo un buona quantità di brodo vegetale da aggiungere durante la cottura.

Per la ricetta del capriolo che trovate sotto voglio ringraziare l’amica Giovanna della Fattoria Terranuova per averla condivisa con noi

Per altre ricette di secondi piatti clicca qui



Capriolo in umido

La cacciagione più ricercata
Pasto Secondi Piatti
Cucina Italiana
Difficoltà facile e lungo da fare
Costo: medio - alto
Preparazione 30 min
Cottura 6 h
Marinatura in aceto 1 d
Tempo totale 1 d 6 h 30 min
Persone 6
Calorie 180kcal
Condivisa da Giovanna e Marco

Ingredienti

  • 1 Kg. di capriolo
  • 1 confezione di pomodoro concentrato
  • mezza carota
  • 1 ciuffo prezzemolo
  • 2 costole di sedano (se sono piccole 3)
  • 1 cipolla rossa (media)
  • 2 spicchi di aglio
  • mezzo rametto di rosmarino
  • 2 foglie di salvia
  • olio qb
  • sale qb
  • pepe qb
  • peperoncino qb
  • brodo vegetale

Procedimento

  • Il giorno precedente alla cottura, mettete il capriolo a bagno in una pentola capiente con acqua e aceto (metà e metà) per 24 ore.
  • Trascorse le 24 ore togliete il capriolo, sgocciolatelo ed asciugatelo con carta assorbente.
  • Fate a pezzettini e mettetelo al fuoco in un tegame, rilascerà i propri liquidi, dopo di che togliete il capriolo buttando via l'acqua che si è creata.
  • Aggiungete olio evo in un tegame capiente e metteteci un battuto con tutti gli odori elencati tra gli ingredienti e fate soffriggere fino alla loro doratura.
  • Aggiungete il capriolo e proseguire con la cottura fino a che anche questo non assume una bella colorazione e risulta ben rosolato.
  • Aggiungete successivamente un bicchiere abbondante di buon vino rosso e fatelo sfumare per qualche minuto.
  • Allungate il pomodoro concentrato con del brodo tiepido ed aggiungetelo alla carne che sta cuocendo. Aggiungere sale, pepe e peperoncino qb.
  • Proseguite la cottura a fuoco lento per circa 5/6 ore, aggiungendo di tanto in tanto del brodo per mantenere umida la carne.
Commenta la ricetta

 

Categorie degli articoli:
Secondi Piatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.






Da non Perdere! Le Ricette in ordine casuale...